19 scuole che rappresentano tutte le Regioni d’Italia pronte a sfidarsi nell’arte del Debate.

“Il dibattito è la trattazione di un tema attraverso un confronto dialettico tra due o più interlocutori, ciascuno dei quali rappresenta posizioni diverse.”

Si aprono oggi a Roma, mercoledì 15 novembre, le prime olimpiadi nazionali di debate organizzate dall‘ITE E. Tosi di Busto Arsizio, in cui diciannove regioni si sfideranno nell’arte del Debate.

Tutte le squadre, ognuna composta da quattro debaters e un docente accompagnatore, si affronteranno in sette round per un totale di 57 dibattiti, su sei temi. Tre di questi sono già noti agli studenti che hanno dunque avuto modo di documentarsi e prepararsi, ma che verranno a sapere della posizione da difendere (pro o contro) solo poco prima l’inizio della sfida. I topics scelti per queste gare sono: il reddito di cittadinanza, il riscaldamento globale e l’abolizione dei compiti a casa.

Gli altri tre temi, chiamati impromptu, sono comunicati ai partecipanti sessanta minuti dall’inizio della gara, durante i quali gli sfidanti prepareranno le proprie argomentazioni sapendo già la loro posizione in merito all’argomento, ma senza l’aiuto dei docenti accompagnatori e l’ausilio di comunicazioni col mondo esterno.

Grande spirito sportivo contraddistingue questi ragazzi, che imparano ad ascoltare e ad argomentare in un clima di calma e rispetto reciproco, apprendendo l’arte del discorso

Il debate, infatti, insegna sia ad esporre le proprie tesi, sia ad ascoltare il prossimo e a contrattaccare senza offendere. È come trovarsi su un ring, tre colpi in attacco e tre in difesa, volendoci insegnare il peso e l’importanza che possono avere le parole.

Saranno i 27 giudici provenienti da ogni parte di Italia a decretare le due squadre che si sfideranno nel dibattito finale che si terrà nella mattinata di sabato 18 novembre e di cui prestigiosa sede sarà la Sala Capitolare del Senato.

Quale regione tornerà a casa trionfante?

Per saperlo non perdetevi nessuno dei nostri aggiornamenti e le news sul sito, Facebook e Instagram.