Si è recentemente conclusa la prima Debate Academy Italiana, ospitata nella suggestiva cornice di Villa Bassetti, a pochi passi dall’eremo di Santa Caterina del Sasso, a Leggiuno (VA). Un’esperienza di arricchimento per i 23 partecipanti che nel corso della prima settimana hanno alternato attività di debate in lingua inglese, guidata dal formatore Miha Andric, ad un corso di vela presso la scuola Top Vela di Tiziano Nava, a Laveno.

A seguire altri 25 studenti li hanno raggiunti per partecipare a loro volta a sessioni formative in lingua italiana, condotte questa volta da Matteo Giangrande, autore del libro “Debate. Pratica, teoria e pedagogia”. Anche in questo caso per i ragazzi è stato possibile alternare i momenti d’aula con i corsi di vela.

L’Academy, durata complessivamente dal 17 al 28 di giugno, ha accolto allievi provenienti da tutta Italia, dando loro l’opportunità di approfondire la disciplina del debate nel solco delle esperienze che in tanti paesi del mondo sono oramai ricorrenti e consolidate.

Questo stesso proposito è stato dichiarato dalla dirigente dell’ITE Tosi di Busto Arsizio e Presidente della Società Nazionale di Debate, Nadia Cattaneo: “Siete pionieri di questo progetto, avete un’importante responsabilità”. Una responsabilità che i ragazzi hanno colto e onorato con impegno ed entusiasmo, partecipando a loro modo alla diffusione del Debate nell’ambito del progetto Debateitalia e che, dopo le Olimpiadi Nazionali svoltesi lo scorso mese di marzo, ha visto il moltiplicarsi in tutte le regioni di eventi, iniziative e tornei di dibattito.

Con questa iniziativa, fortemente voluta  e sostenuta da Benedetto Di Rienzo, presidente della Fondazione Giuseppe Merlini e Vanna Colombo Bolla, Presidente dell’Associazione NoidelTosi, prosegue quindi il percorso di crescita di tutto il movimento che aspira a diventare modalità didattica di formazione alla cittadinanza attiva, alla partecipazione, al dialogo e alla capacità di critica costruttiva.