Dietro le quinte del Debate – Primo incontro di progettazione delle scuole polo territoriali – Cerro di Laveno – 18-20 settembre 2018

Sei qui://Dietro le quinte del Debate – Primo incontro di progettazione delle scuole polo territoriali – Cerro di Laveno – 18-20 settembre 2018

Dietro le quinte del Debate – Primo incontro di progettazione delle scuole polo territoriali – Cerro di Laveno – 18-20 settembre 2018

Con la ripresa dell’anno scolastico – in tempi diversi a seconda delle Regioni e con problemi comuni – molti docenti di scuole italiane stanno riattivando con i propri studenti  le attività di Debate.

In attesa che le squadre rappresentative delle singole regioni si incontreranno nella seconda edizione nazionale  delle Olimpiadi di Debate, che si svolgeranno alla fine del mese di Marzo 2019, le scuole polo territoriali si stanno attivando per diffondere il Debate nei loro territori e per formare nuovi docenti e studenti.

Per realizzare l’obiettivo – voluto dal MIUR che con Il D.D. n. 152 del 12.02.2018 ha riconosciuto il debate tra le proposte innovative per la promozione della partecipazione studentesca, della collaborazione docenti/studenti e di percorsi personalizzati di apprendimento – dietro le quinte  è attiva una rete di docenti, presidi,  dsga e studenti che si incontrano per condividere idee, progettare, pianificare, programmare insieme alla scuola capofila – l’ITE Enrico Tosi di Busto Arsizio – con il desiderio ambizioso – e un po’ fuori dagli schemi – di mantenere attiva la rete delle scuole territoriali nata in occasione delle prime Olimpiadi di Debate e costruire e realizzare insieme un progetto di innovazione didattica e di cittadinanza.

Il primo incontro di lavoro ha coinvolto Presidi, Direttori dei Servizi Amministrativi e Docenti referenti delle scuole polo territoriali che si sono incontrati a Cerro di Laveno, presso la Casa di Gesù Bambino e a Santa Caterina del Sasso di Leggiuno.

In tre giorni di confronto e di lavoro è stato definito il piano di formazione e di diffusione del Debate a livello locale e nazionale, individuando le modalità organizzative, le attività specifiche e quelle da condividere che saranno declinate e realizzate nelle diverse realtà territoriali, interregionali e nazionali.

2018-10-01T11:10:26+00:0022 settembre 2018|Comunicazioni|